Bonus Sociale Gas

IL BONUS GAS. Per le famiglie numerose o per le persone in condizioni di disagio socio-economico, la possibilità di usufruire di sconti e agevolazioni per alcuni consumi domestici può essere molto importante. A tal proposito è stato introdotto dal Governo nel 2009, e reso operativo dall’allora AEEG (oggi ARERA), con la collaborazione di tutti i Comuni, il Bonus Gas.

Esso rappresenta un intervento di sostegno (tramite uno sconto) che viene applicato sui consumi di energia elettrica e di gas naturale. Questo bonus è riservato a famiglie numerose o con basso reddito in difficoltà economica.

Il Bonus si applica se si verificano contemporaneamente le seguenti due condizioni:

  • Si tratta di una fornitura di gas naturale distribuito a rete (e non gas in bombola o GPL);
  • I consumi riguardano l’abitazione di residenza della famiglia richiedente.

Il bonus, inoltre, viene rinnovato automaticamente di anno in anno, a meno che l’INPS non faccia richiesta di cessazione. È differenziato in base a vari fattori e viene aggiornato entro il mese di dicembre di ogni anno.

Il bonus è determinato ogni anno dall’Autorità per consentire un risparmio del 15% circa sulla spesa media annua presunta per la fornitura di gas naturale (al netto delle imposte). Il valore del bonus sarà differenziato:

  • per tipologia di utilizzo del gas (solo cottura cibi e acqua calda; solo riscaldamento; oppure cottura cibi, acqua calda e riscaldamento insieme);
  • per numero di persone residenti nella stessa abitazione;
  • per zona climatica di residenza (in modo da tenere conto delle specifiche esigenze di riscaldamento delle diverse località).

Per quanto riguarda il procedimento volto all’ottenimento del bonus, l’intestatario delle bollette deve presentare un’apposita domanda presso il proprio Comune di residenza, dopo aver compilato i moduli reperibili presso gli sportelli comunali o scaricabili dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico. Al modulo di domanda dovrà essere allegata, inoltre, la dichiarazione ISEE che attesti la condizione economica del richiedente. Una volta ricevuto il bonus, esso può essere applicato per un periodo di 12 mesi, rinnovabile alla sua scadenza.

COME EFFETTUARE LA RICHIESTA DEL BONUS GAS. 

Per richiedere il bonus gas, occorre compilare l’apposita modulistica scaricabile dal sito web di ARERA (www.arera.it) o reperibile presso i Comuni o sul sito del Ministero per lo Sviluppo Economico. Una volta compilata – e integrata con l’attestazione ISEE, ecc… – tale documentazione deve essere consegnata al proprio Comune di residenza o prezzo altro istituto eventualmente designato dal Comune stesso (come ad es. i Centri di Assistenza Fiscale (CAF). Per tutti i clienti che hanno sottoscritto direttamente un contratto per la fornitura di gas naturale, il bonus sarà riconosciuto come una componente in deduzione nelle bollette. Per tutti i clienti che, invece, usufruiscono di impianti centralizzati di riscaldamento e non hanno un contratto diretto di fornitura, il bonus sarà riconosciuto attraverso un bonifico intestato al beneficiario. Il bonus continua ad essere riconosciuto anche in caso di cambio di residenza oppure del fornitore del gas.

Questo sito utilizza cookie, link “Privacy Policy” in basso a destra. Scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento così come su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie.