Fine del Mercato di Tutela e Mercato libero

IL MERCATO DELL’ENERGIA

Il mercato dell’energia, in Italia, nasce come monopolio da parte dell’Ente Nazionale per l’energia elettrica, ma già negli anni ’90, con il Decreto Legge n. 79 del 16 marzo 1999, noto come «Decreto Bersani», è in atto una liberalizzazione del mercato in adeguamento alle direttive europee che prevedono la creazione di un mercato energetico comunitario con le stesse regole di libertà di accesso in tutti i paesi dell’Unione.

Tale decreto, che recepiva ufficialmente le indicazioni della direttiva comunitaria del 1996 volta alla creazione del Mercato Unico dell’energia in Europa, ha portato ad una graduale liberalizzazione delle attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica.

Dal luglio 2007 il mercato dell’energia in Italia è liberalizzato, ogni fornitore cioè può decidere di entrare sul mercato in qualsiasi momento e gli utenti possono liberamente decidere a quale fornitore rivolgersi. Con la chiusura del mercato tutelato, sarà completato definitivamente il passaggio al libero mercato, dove a differenza del mercato regolato è presente un discreto livello di concorrenza.

Altro punto a favore del libero mercato è che il prezzo si stabilisce liberamente da una contrattazione tra domanda e offerta.

Mercato di Tutela e Mercato libero
  • Il mercato di maggior tutela che prevede che sia l’Autorità (ARERA) a stabilire i prezzi dell’energia con cadenza trimestrale e le modalità di fornitura;
  • Il mercato libero che propone offerte differenziate che il cliente sceglie in base di ciò che ritiene più interessante e conveniente per sé.
La fine del servizio di maggior tutela slitterà di un anno, da luglio 2019 a luglio 2020:

Il Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge di conversione per il DL “Milleproroghe” n. 91/2018, senza modifiche rispetto al testo votato in precedenza alla Camera. Il provvedimento diventa quindi legge. Lo slittamento di altri 12 mesi per la maggior tutela nel mercato dell’energia, ricordiamo, era stato introdotto nel Milleproroghe in prima lettura al Senato su emendamento della maggioranza. Da luglio 2020 avverrà il completo passaggio al mercato libero dell’energia, ovvero non esisteranno più le tariffe stabilite dall’ARERA per il mercato a maggior tutela. Questo significa che, se la tua fornitura attuale di energia appartiene al mercato a maggior tutela, è importante che inizi ad informarti e scegliere quale offerta del mercato libero è più adatta alle tue esigenze. Se al 1° luglio 2020 non avrai ancora scelto un’offerta del mercato libero la tua fornitura passerà al Servizio di salvaguardia, ovvero il servizio predisposto per i consumatori “disattenti” che non sono passati al mercato libero entro la data decretata.

Una comunicazione in bolletta ai clienti in Maggior Tutela

Secondo quanto previsto dal primo punto della delibera ARERA dello scorso novembre 2017, tutti i fornitori della maggiori tutela luce ed i fornitori della tutela gas dovranno inserire nelle bollette emesse nel secondo trimestre 2018 la comunicazione relativa alla fine del mercato tutelato allo scopo di informare gli utenti circa la necessità del passaggio al mercato libero entro la fine di giugno 2019, data poi posticipata a fine giugno 2020. Vediamo insieme parte della comunicazione in questione:

Gentile Cliente,

la legge sulla concorrenza 124/17 stabilisce che dal 1 luglio 2020 tutti i clienti di energia elettrica e gas trovino contratti di fornitura SOLO sul mercato libero. Da quella data i contratti come il Suo, con prezzi aggiornati dall’Autorità, non saranno più disponibili: è quindi importante informarsi per tempo sulle novità e le opportunità previste (…)”

Comunicato stampa ARERA

Consiglio per i clienti nel Mercato Tutelato

Confrontare i prezzi e prepararsi al cambio fornitore in tempo per il 2020 è il consiglio giusto da seguire per non ritrovarsi alla scadenza del termine del mercato di tutela magari con un fornitore non scelto liberamente.
Il passaggio al mercato libero è gratuito. Per passare dal mercato di maggior tutela al mercato libero, o per passare da un fornitore a un altro, non dovrai mai sostenere nessun costo aggiuntivo.

Quale sarà il destino per i clienti del mercato tutelato?

Una volta eliminato il mercato di tutela, le sorti dei clienti che entro il 2020 non avranno ancora provveduto al passaggio al mercato libero sono ancora tutte da decidere. Una volta superata la scadenza del primo luglio 2020 i clienti residenziali non ancora passati al mercato libero rimarranno tecnicamente senza fornitore. Di seguito elenchiamo le soluzioni proposte sino ad oggi:

  • Il passaggio dei vecchi clienti in Maggior Tutela allo stesso fornitore del mercato libero e l’istituzione di una serie di aste intermedie e finali. La proposta di mettere all’asta parte dei contratti adesso in maggior tutela nasce soprattutto dall’esigenza di garantire una concorrenza effettiva tra tutti i fornitori del mercato libero ed evitare che alcuni fornitori, come i vecchi monopolisti, godano di una posizione dominante rispetto alle altre società di vendita.
  • L’introduzione delle offerte placet; I fornitori di energia elettrica e gas del mercato libero saranno obbligati entro il 2018 ad inserire nel loro menù di offerte le cosiddette OFFERTE PLACET. Acronimo di Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela, le offerte PLACET sono offerte standard che prevedono condizioni contrattuali fissate dall’Autorità ed altre liberamente definite tra le parti, ma rispondenti a determinati corrispettivi. L’obiettivo di tali offerte è accompagnare i clienti finali al passaggio dal mercato di Maggior Tutela al libero mercato dell’energia elettrica e gas
  • Introduzione del Portale Offerte ARERA. Disponibile da luglio, il Portale di comparazione offerte gas e luce, creato dall’Autorità e dall’Acquirente Unico, è un’evoluzione dello già esistente Trova Offerte, ovvero uncomparatore di tariffe al quale gli utenti possono accedere per confrontare il costo di luce e gas offerto dai fornitori del mercato libero rispetto al prezzo del mercato tutelato. Al momento sul Portale è possibile dare un’occhiata soltanto alle offerte PLACET, perché sia completo, bisognerà aspettare l’implementazione delle fasi successive.
  • La creazione dell’elenco dei venditori abilitati. Il DDL Concorrenza prevede anche la creazione di unelenco delle società abilitate alla vendita di energia elettrica ai clienti finali, in maniera analoga a quanto già avviene per i venditori di gas naturale. L’Autorità ha pubblicato a settembre 2017 il documento con le modalità per l’accesso a tale elenco che individua tre categorie di requisiti: requisiti di onorabilità, requisiti di natura finanziaria, requisiti tecnici. Il 7 giugno 2018 il Consiglio di Stato ha espresso parere favorevole allo schema di decreto del ministero dello Sviluppo economico riguardo l’istituzione dell’elenco venditori di energia elettrica e gas. Andrà dunque in porto un ulteriore tassello in vista della chiusura del mercato di maggior tutela in aggiunta al già citato Portale Offerte.
Questo sito utilizza cookie, link “Privacy Policy” in basso a destra. Scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento così come su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie.